Informativa Cookie

Casa Editrice Online

Il mondo raccontato dai media

È difficile capire se viviamo in un’epoca disgraziata oppure è solo un’impressione. Leggendo i giornali, o guardando i tg in televisione, veniamo quotidianamente, ma direi anche ora dopo ora, bombardati da brutte notizie. Disastri ambientali, omicidi, arresti eccellenti e non, violenze: un panorama degno di un film dell’orrore.

Eppure, questa è la realtà. Se ci fate caso, le prime pagine dei quotidiani e i servizi di apertura dei telegiornali, sono ormai quasi sempre dedicati ad uno degli argomenti sopra citati.

L’ultimo in ordine di apparizione, è il disastro ecologico nel Golfo del Messico. Non facciamo in tempo a riprenderci da un cataclisma che, immediatamente, ne dobbiamo affrontare un altro. Ma possibile che le buone notizie, le storie a lieto fine debbano essere sempre messe in secondo piano rispetto a quelle brutte? Eppure si verificano…

Se spulciamo tra le pagine dei giornali, o abbiamo la pazienza di aspettare le notizie di coda dei tg o dei notiziari radiofonici, qualcuna, di tanto in tanto, esce fuori, magari in mezzo a cruente notizie di cronaca. Indubbiamente le informazioni vanno riportate correttamente e senza filtri ed è giusto che sia così, però qualche volta non sarebbe male, tra un dramma e l’altro, inserire qualche piccola perla di positività.

Dopo tutto, a questo mondo avvengono anche cose fantastiche ed è giusto che siano riportate con la stessa enfasi con cui vengono narrati gli episodi negativi. Se non altro per tornare ad accendere la televisione o a leggere un giornale senza dover pensare: “Oggi che altro è successo?”.

patto-civile



Aggiungi un commento