Informativa Cookie

Casa Editrice Online

Contro la sigaretta

La nicotina è a tutti gli effetti una vera e propria droga che, anche se non ha effetti paragonabili a quelli di altre droghe naturali e sintetiche ben più pesanti, induce ad una forte dipendenza psicofisica che è alla base, sia direttamente che indirettamente, di numerose patologie.

Purtroppo, nonostante le indiscutibili dimostrazioni della ricerca scientifica e della scienza medica, ancora oggi si tende a sottovalutare la pericolosità del vizio del fumo. Spesso e volentieri, rimane fortemente radicata nella psiche dei fumatori la falsa convinzione che la nicotina costituisca in qualche modo un importante aiuto nell’affrontare numerose problematiche della vita quotidiana.

Il nemico principale da combattere è da identificare nel fortissimo condizionamento psicologico a cui è sottoposto chi cade nella trappola del vizio. Attraverso la pubblicità occulta s’insinua nella nostra fragile mente l’illusoria idea che il fumo migliori in qualche modo la nostra povera esistenza.

Per invertire questa nefanda tendenza della nostra mente occorre informarsi a fondo su quali siano gli aspetti principali di questo fenomeno. Molto importante a tal proposito è la lettura di articoli e libri sull’argomento. Attraverso lo studio è realmente possibile aprire un varco nel nostro inconscio che ci faccia prender in considerazione la fattibilità di una trasformazione dei nostri schemi mentali. Soltanto in tal maniera è possibile liberarsi dalla dipendenza, sia fisica che psichica, dalla nicotina, con la consapevolezza di non dover andare incontro a nessuna grande rinuncia.

L’ormai famoso Allen Carr ci dice che smettere è facile se sai come farlo e annulla del tutto il ruolo della forza di volontà, accentuando a dismisura quello della consapevolezza. Molte persone sono riuscite a smettere con il suo libro, ma molte altre hanno fallito. Probabilmente un discreto numero di quelle che hanno avuto successo sono poi ricadute in trappola.

sigaretta

A mio avviso occorre trovare un compromesso tra la forza di volontà e la consapevolezza; essendo la prima sempre indispensabile, in particolar modo nei momenti di fragilità personale in cui è più arduo resistere alle sirene della tentazione.

La forza di volontà corrisponde alla pratica e la consapevolezza alla teoria ed in tutti i campi dell’attività umana è necessario che esse procedano di pari passo. Agire senza pensare equivale a sbattere la testa contro un muro, mentre al contrario pensare senza agire è come avere la testa tra le nuvole e perdere il contatto con la realtà.



Aggiungi un commento