Informativa Cookie

Casa Editrice Online

Perché alcuni aggiornamenti di stato su Facebook sono più visibili di altri?

L’algoritmo interno usato da Facebook che fa sì che alcuni aggiornamenti siano più visibili di altri un tempo si chiamava Edgerank. Ultimamente questo algoritmo è stato sostituito da uno un po’ più complesso, che però non ha ancora un nome.
Le dinamiche che questo algoritmo segue sono piuttosto complicate e si basano sul “grado di affinità” che vi è con gli altri membri o pagine di un dato gruppo di amicizie e sul tipo e la frequenza di “interazioni” che corrono fra i membri dello stesso.

L’algoritmo assegna un valore a ogni interazione che avviene tra il ricevente e il mittente di un messaggio. Più questo valore è alto, maggiori saranno le probabilità che il post venga visualizzato tra le notizie più popolari in bacheca.
Parlando praticamente: più voi cliccate “Mi piace” sulla pagina di un amico e commentate i post di quell’amico, più visibili saranno poi gli aggiornamenti di quell’amico sulla vostra bacheca.

like

Il peso delle interazioni nell’algoritmo è diverso. Ad esempio un “Mi piace” ha meno peso di un commento, così come un commento ha meno peso di una condivisione. Allo stesso modo, un video, una foto o un link hanno una posizione più alta nella graduatoria di un post semplice come può esserlo un aggiornamento di stato. La differenza con il precedente Edgerank è che ora ci sono molte più categorie e sotto-categorie di azioni che determinano il diverso “peso”, ossia il diverso grado di affinità fra mittente e destinatari.

Se prima bastava questo per determinare il grado di affinità, ora, con la scomparsa dell’Edgerank in favore del più nuovo e complesso algoritmo, Facebook guarda le interazioni globali e non solo quelle personali.

Nel concreto: se un aggiornamento appare a 100 utenti, ma solo un paio di loro interagiscono con esso, la volta seguente l’aggiornamento del mittente non apparirà in bacheca o apparirà in una posizione meno visibile. Viceversa, se un numeroso gruppo di persone interagiscono con l’aggiornamento in questione, il prossimo aggiornamento di quel mittente avrà più probabilità di apparire in una posizione rilevante.
Inoltre nell’algoritmo entra in gioco anche il fattore tempo: se una pagina viene visualizzata tutti i giorni e l’utente clicca tutti i giorni “Mi piace” su un post di quella pagina, gli aggiornamenti della stessa risulteranno più visibili nella bacheca dell’utente rispetto a quelli di una pagina che non viene visualizzata da mesi.

La visibilità viene, poi, influenzata dalla capacità degli utenti di nascondere messaggi o segnarli come spam e dalle impostazioni di relazione che gli utenti possono applicare (etichettando il mittente come “amico” o “conoscente”, ad esempio. O scegliendo se ricevere gli aggiornamenti di quella pagina).
Infine, l’algoritmo considera anche quale dispositivo viene utilizzato e la velocità di connessione a Internet di un utente per decidere cosa mostrare.

Quindi, quali sono i trucchi per rendere i propri post più visibili?

Innanzitutto è necessario aggiornare spesso la propria pagina e pubblicare post nelle ore del giorno più frequentate, in modo che un numero maggiore di gente possa cliccare “Mi piace” o commentarlo. Inoltre, sarebbe preferibile interagire il più possibile con gli amici in elenco, cliccando a vostra volta “Mi piace” sulle loro pagine personali e commentando i loro aggiornamenti. Più loro ricambieranno queste attenzioni, più il vostro grado di affinità salirà, garantendovi una posizione visibile nella loro bacheca.

E’ infine importante diversificare i post (foto, link, video, citazioni etc) in modo da attrarre una fetta di pubblico vasta e potrebbe essere utile terminare i post con delle domande, così da spingere gli altri utenti a rispondere.



Aggiungi un commento