Informativa Cookie

Casa Editrice Online

L’ultimo drammatico strato di ciccia – Ad un passo dagli addominali scolpiti

Siamo alle porte dell’estate.

Alcuni, forse non molti, hanno tentato di prepararsi alla ‘prova costume’ sottoponendosi all’inevitabile dieta dell’ultimo minuto, nel tentativo di rispolverare il ‘fisico da spiaggia’ sepolto dalle baldorie gastronomiche invernali.

Altri, forse, arriveranno invece alla lettura di questo articolo dopo un lungo percorso personale, lunghe e meditate diete e cali di peso più o meno da capogiro.

Ebbene, l’argomento di quest’articolo interessa gli uni quanto gli altri.

Perchè tutti prima o poi possiamo trovarci di fronte al più agghiacciante dilemma dietologico dell’era moderna.

Come eliminare l’ultima dannata fetta di ciccia sulla pancia?

Come sciogliere per sempre l’ultimo strato di grasso che oscura, soprattutto nei maschietti, la gloriosa comparsa degli addominali??

Ebbene, oggi vogliamo svelare il velo di Maia su questo ‘momento’ mitogico, anche per tentare di riportare sulla terra alcune delle più assurde filosofie in materia, separando le osservazioni valide dai miti fuorvianti che pure popolano l’argomento in abbondanza.

fragole

1 – Gli ultimi 5 chili di grasso da perdere non sono diversi dai primi 5

Il grasso corporeo può essere misurato e stimato con buona approssimazione. Se si vuole raggiungere una determinata forma fisica, e si è disposti e mettersi a dieta per ottenerla, allora forse vale la pena approcciare la pinificazione nel dettagli.

Il calcolo del body fat corporeo può darci una stima del percorso metabolico che stiamo per affrontare e darci modo di ‘guardare il nemico in faccia’.

Quanti chili di ciccia volete perdere?

2 – Se siete dei maschietti e volete vedere i vostri addominali sporgere dal ventre, ebbene preparatevi a scendere al di sotto del 10% del grasso corporeo.

E’ inutili fare troppi calcoli e cercare strane spiegazioni fisiogiche. Per vedere gli addominali dovete perdere grasso fino a quel livello.

Per gli uomini ci sono appena una manciata di punti percentuali di body fat che possono essere sommati al grasso essenziale (3/5 % del body fat totale): se si vogliono ammirare gli addominali ‘a tartaruga’ il grasso non può rimanere al di sopra del 10% di grasso corporeo complessivo.

addominali

3 – L’effetto whooshing può farvi scoraggiare, ma non inciderà veramente sul vostro dimagrimento.

Il nostro corpo si adatta agli stimoli che riceve, e spesso mette in funzione meccanismi che sembrano cozzare con la nostra ‘volontà’ soggettiva del momento.

Il nostro fisico non dimagrirà senza provare ad attenuare i sintomi della ‘carestia’ a cui lo state sottoponendo.

Ma il ‘whooshing’ del grasso è del tutto transitorio. Bevete molti liquidi e provate ad assumere carboidrati secchi per qualche giorno.

4 – Il metabolismo può tentare di ribellarsi, ma lo stallo del dimagrimento in una dieta ipocalorica è un fenomeno che non può sottrarsi ad alcune delle principali leggi della fisica.

Al netto di tante teorie e di tante osservazioni concretamente dimostrate, una restrizione calorica prolungata non può che costringere il corpo a consumare tessuto adiposo.

Il vostro fisico non può smettere di alimentarsi con le sue riserve di energia se continuate con il vostro deficit calorico, e in particolar modo se questo deficit è supportato – oltre che dalla dieta – da un’adeguata dose di esercizio fisico.

succo di frutta



Aggiungi un commento