Informativa Cookie

Casa Editrice Online

Il Plafond Casa per i mutui agevolati e i primi timidi spiragli di ripresa nel settore immobiliare

In un momento non certo facile per il settore immobiliare e soprattutto per l’emergenza abitativa che interessa sempre più le giovani coppie italiane, ogni minimo segnale positivo andrebbe colto come buon auspicio di una possibile ripresa.

Alcune notizie in arrivo in materia di mutui casa sembrano poter rivestire una certa importanza, anche se ovviamente è troppo presto per abbandonarsi al più totale ottimismo.

plafond casa

L’accesso all’abitazione di proprietà è un sogno per moltissimi italiani, ed alcuni dei dati diffusi recentemente da ConfArtigianato non sembrano far presagire nulla di buono, in effetti.

I mutui in Italia sono tra i più cari in Europa, mentre del resto la nuova tassazione che interessa gli immobili scoraggia certamente il mercato, che è ormai stremato da anni di recessione.

Lo stillicidio nelle imprese edili prosegue imperterrito. Mentre qualche barlume di speranza arriva proprio dal settore immobiliare, dove sembra che le compravendite siano aumentate nel primo quadrimestre del 2016 rispetto ai dati fallimentari dell’anno precedente.

In questo scenario si possono quindi leggere con ottimismo le piu recenti manovre del governo Renzi, ormai dimissionario, che per tramite del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha favorito un accordo tra Cassa depositi e prestiti (Cdp) e l’Associazione bancaria italiana per la costituzione di uno speciale Plafond Casa che riesca ad agire nel delicato mercato dell’accesso al credito per l’acquisto della prima casa.

Si tratta di un fondo di due miliardi di euro che sarà prossimamente adibito a garantire la concessione di mutui per l’acquisto (max 250.000 euro) e la ristrutturazione (max 100.000 euro, anche cumulabili con la quota per l’acquisto) della prima casa da parte di giovani coppie, che oggi altrimenti non avrebbero (e non hanno, nei fatti) la possibilità di accendere mutui con copertura finanziaria completa (mutuo 100%) capace di finalizzare l’acquisto immobiliare.

Oltre ai tassi d’interesse calmierati grazie alle misure d’intervento pubblico, infatti, le banche che vorranno aderire al Plafond Casa saranno tenute ad offrire condizioni di accesso ai mutui meno restrittive rispetto a quelle attualmente in vigore per i normali consumatori.

Ci si chiede se una misura del genere, agendo a monte sulla sicurezza del credito come leva macroeconomica, sia in grado di movimentare davvero il mercato delle compravendite, possibilmente coinvolgendo quei soggetti sociali che fino ad ora avevano incontrato le maggiori difficoltà di accesso alla proprietà immobiliare.



Aggiungi un commento