Informativa Cookie

Casa Editrice Online

Tra Pasquino e Marforio pe’ l’elezioni

Caro Marforio svejete
annamo all’elezione
è pronta n’antra farsa
der grande pantalone

è tutto organizzato
nun devi che venì
cambiati so’ i colori
ma stanno sempre lì

la tua presenza è d’obbligo
nun te poi tirà all’indietro
sinnò quanno se siedono
je manchi tu de dietro

annamo a fa er diritto
l’unico che c’è rimasto
e senza pensacce troppo
tanto nun cambia er resto

si voti scheda bianca
fanno li conti loro
e quanno che so in fonno
se spartischeno l’ignoro

così, chi voti voti,
nun fa più differenza
tanto nun conti gnente
sinnò pe’ la pazienza

che dichi? La stai pe’ perde
attento, nu’ lo dì
se senteno te ’mputano
e te torgono de lì

che fai? Piji lo schioppo?
sei matto, nu’ lo fa
sinnò st’italia nostra
diventa n’antra Bosnia

che c’hai? Le palle piene?
io te capisco amico
ma gira gira er monno
è n’arbero de fico

‘na vorta da li frutti
e dieci è secco e brutto
e quanno tu ce capiti
hanno già riccorto tutto

Marforio lo sai che famo
mettemise d’accordo
restamisene a casa
e bonanotte ar sordo

che dichi? N’è possibile?
ah dichi ch’è ‘n dovere?
e allora come famo
a nun faje sto piacere?

propongo!
annamo oggi a votà
domani poi smettemo
le tasse de pagà

che dè? nun se po fa
sinnò annamo a rotoli
e poi sariperdemo
er rispetto de li popoli?

ao, lo sai che famo
sparamise ar cervello
così se li tajamo
pe’ fa dispetto a quello

che c’è, nun ce voi sta?
èh n’te sta bene gnente!
a Marforio, annamo a rivotà
tanto, nun cambia gnente.



Aggiungi un commento