Informativa Cookie

Casa Editrice Online

Il Museo Storico della Perugina

Il capoluogo umbro è una fucina di luoghi da visitare ed esperienze da vivere, in ogni stagione dell’anno. Tra le iniziative turistiche di Perugia che, è proprio il caso di dire, fanno gola ai molti turisti, c’è sicuramente la visita allo stabilimento dolciario della Perugina. Particolarmente interessante è, poi, la visita al Museo Storico, che ci racconta la storia dello stabilimento che dura ormai da più di un secolo.

Il Museo Storico della Perugina nasce nel 1997. L’apertura dell’esposizione avviene in concomitanza con i 90 anni dello stabilimento dolciario, che si sono sovrapposti alla storia di Perugia e d’Italia. Per l’importanza che assume nel contesto umbro, l’esposizione permanente è ora sotto la tutela della Sovrintendenza dei Beni Culturali.

baci perugina

Il viaggio all’interno del museo si può dividere in quattro sezioni, corrispondenti a quattro tematiche: “dal cacao al cioccolato”, “prodotti e reti di vendita”, “una storia d’impresa” e la “comunicazione”. Già, perché il successo del marchio Perugina è dato dal mix di passione, qualità e commercializzazione.

La visita al Museo Storico della Perugina è “confortato” da degustazioni di dolci che vengono prodotti nel vicino stabilimento. Non mancano foto, immagini e documenti che attraversano trasversalmente il tempo per giungere ai giorni nostri.

Ci sono dei prodotti che son divenuti simboli della Perugina e di un certo modo di intendere il cioccolatino. Tutti conoscono e hanno assaggiato, almeno una volta, il famoso Bacio Perugina. L’idea di realizzarlo venne a Federico Seneca. E probabilmente anche quella di inserire un bigliettino con una frase d’amore è da attribuirsi a lui. La trovata conquistò anche il plauso del futurista Filippo Tommaso Marinetti.

L’ideale per visitare il Museo Storico della Perugina è di abbinare questa ai giorni in cui Perugia celebra EuroChocolate. La kermesse più dolce d’Italia, che si svolge in genere nel mese di ottobre, vede la partecipazione di migliaia di persone.



Aggiungi un commento