Informativa Cookie

Casa Editrice Online

Raccontare una casa

Raccontare una casa in cui abbiamo vissuto per vent’anni, in cui stiamo per abitare, che stiamo per lasciare a causa delle vicissitudini della vita. Situazioni diverse con lo stesso denominatore: la casa. Non è detto che sia sempre quella della vostra vita.

Un appartamento è nel mercato un oggetto come un altro: si vende, si compra, si affitta perché in questo periodo non si sa mai… Nessuno però guarda a quello che possono rappresentare le quattro mura domestiche.

In passato la casa era sinonimo di famiglia. Oggi “casa” significa esperienze, relax, ricordi e solo dopo famiglia. La casa è forse lo specchio più fedele delle persone che ci abitano.

Raccontare una casa significa osservare i dettagli degli arredi, vedere come mai il proprietario ha scelto con cura e amore quel mobile o quella mensola, quella scrivania dove il ticchettio dell’orologio si armonizzava con i tasti del PC per preparare l’ultimo esame prima della laurea di quel figlio che non ha mai conosciuto nido diverso da quello…

Poi la vita cambia e lascia il conto: un conto che sa di abbandono e di amarezza. Quella casa va lasciata andare, magari a un’altra famiglia. Questa ci proietterà negli anni nuovi ricordi, alimenterà quelle mura di luci, colori, suoni e sapori completamente diversi.

L’unico lato positivo è che rivivrà ancora una volta, diventando una certezza anche per qualcun altro e anche per voi che andrete a lasciarla. In realtà sarà sempre nei vostri cuori e nei vostri pensieri, ma siete ben consapevoli che da soli non potrete fare molto per restituire quella scia di risate che prima circondava quella casa.

Le garanzie richieste per il passaggio di proprietà fanno sempre riferimento alla busta paga e alla capacità di poter pagare il mutuo. Raccontare una casa vuol dire anche chiedersi: chi si occuperà della mia casa? L’amerà con la stessa cura che ho usato io?

Dopo i saluti, meglio non abbattersi più di tanto: le cose e le persone cambiano. Non è detto che cambino in peggio. È vero, non sarà la vostra casa, ma quella dove andrete ad abitare sarà un’altra storia da scrivere.

Un’altra casa da raccontare con nuove emozioni, nuovi ricordi, nuovi percorsi pieni di sorprese e di novità. Dopo un po’ di tempo, scoprirete che la casa che avete lasciato si è trasformata radicalmente, ma che anche voi siete cambiati e che in fondo quel piccolo addio è stato un nuovo inizio, tutto da scrivere.



Aggiungi un commento