Informativa Cookie

Casa Editrice Online

Gli spaghetti cacio e pepe

Gli spaghetti cacio e pepe sono una ricetta classica della tradizione romana, un piatto dove i protagonisti sono il pecorino romano e il suo sapore pungente. Può sembrare una ricetta banale, ma non lo è affatto. Il fatto stesso che sia stata tramandata in questa sua forma, rigorosamente accompagnata dagli spaghetti e preparata in un certo modo, dimostra quanto questo connubio sia universalmente apprezzato.

Si tratta di un piatto figlio della tradizione povera dei contadini, o per la precisione dei pastori. Trasportare pecorino, pepe e pasta era la soluzione più semplice per un piatto: il pepe aveva una durata pressoché eterna, il pecorino si manteneva piuttosto a lungo e il tutto aveva un alto valore nutrizionale.

Ingredienti

– Spaghetti o vermicelli
– 100 grammi di Pecorino Romano
– Olio q.b.
– Pepe nero macinato q.b.

Cuocete gli spaghetti in abbondante acqua salata, tenendo da parte qualche mestolo di acqua di cottura. In una terrina capiente versate quindi l’acqua di cottura e il pecorino grattugiato. Mescolate bene, aggiustando di acqua o di pecorino. La consistenza del condimento deve essere cremosa, né troppo liquida e né troppo asciutta.

È importante fare attenzione a questa fase della preparazione, per non rischiare di preparare una banale pasta al formaggio. La cremosità è una caratteristica imprescindibile degli spaghetti cacio e pepe!

A questo punto aggiungete un filo di buon olio extravergine d’oliva e una generosa grattata di pepe. Mescolate ancora, aggiustando le dosi di acqua e pecorino se necessario, e servite.

cacio e pepe

Gli spaghetti cacio e pepe sono un piatto basilare della tradizione rustica italiana e possono costituire una vera sorpresa anche per i palati più esigenti, a patto che gli ingredienti utilizzati siano genuini e di prima qualità.

Sceglieteli come prima portata in una cena tradizionale a base di salumi, formaggi e pane casereccio, accompagnate il tutto con del buon vino rosso e state certi che non sfigurerete.



Aggiungi un commento