Informativa Cookie

Casa Editrice Online

La giurisprudenza di Gustav Klimt

Il pittore interpreta il tema proposto (la vittoria della luce sulle tenebre, attraverso i dipinti riguardanti la Filosofia, la Medicina e la Giurisprudenza, che dovevano trovar posto sul soffitto dell’Aula Magna dell’Università viennese) in maniera opposta alla fiducia nella facoltà razionale dell’uomo, incarnata dalla borghesia di fine ottocento.

La Giurisprudenza è la vera pietra dello scandalo, qui non si celebra il trionfo di un importante istituzione sociale, ma viene rappresentata come forza crudele che tiene prigioniero un vecchio indifeso, di fronte a lui si muovono le malvagie Erinni, mentre in alto fluttuano impassibili i volti dei giudici. La reazione dell’opinione pubblica fu durissima al punto che Klimt ricomprò dallo stato le sue stesse opere per essere libero di lavorare come più gli piaceva.



Aggiungi un commento